Due semplici fatti sulla banda larga

Ho appena letto questo articolo: Tlc: in Italia vola la fibra, Whatsapp asfalta gli sms

L’articolo secondo me dice due semplici cose ben evocate dal titolo:

Sono quasi 15,2 milioni gli accessi complessivi broadband da rete fissa registrati nel primo semestre 2016, con una crescita di 582mila unità su base annua e un aumento significativo rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. E’ questo uno dei dati evidenziati dall’Osservatorio sulle Comunicazioni attraverso il quale l’Agcom, a cadenza trimestrale, mette a disposizione di imprese, consumatori e media informazioni in grado di contribuire a migliorare la comprensione delle tendenze di mercato e competitive nel settore delle comunicazioni.I dati elaborati rilevano un’importante riduzione degli accessi in tecnologia xDSL (-400mila), tendenza più che controbilanciata dalla crescita di accessi (+980mila) attraverso tecnologie qualitativamente superiori che ormai superano i 2,6 milioni. In particolare, le linee a banda larga con velocità superiore ai 10Mbit sono il 39% del totale (28,7% a giugno 2015), di cui l’11,5% è rappresentato da linee con velocità superiori ai 30 Mbit (5,7% nel 2015). In Italia gli accessi attraverso la rete di nuova generazione (Nga) superano ormai 1,9 milioni di unità (+870mila da inizio anno), in particolare grazie alla crescita delle linee Telecom Italia e Vodafone. A giugno 2016, Telecom detiene una quota di mercato pari al 46,6%, in leggera flessione (-1%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente: di questa diminuzione si avvantaggiano in particolare Vodafone (+0,6%) e gli operatori Fixed Wireless Access (+0,7%), in particolare Linkem.

È aumentata l’offerta, è finalmente disponibile e gli utenti passano da doppino a fibra. Se non c’è offerta, la domanda latente non si manifesta. 

Infine il dato relativo gli sms, sostanzialmente “cannibalizzati” da applicazioni di messaggistica istantanea quali WhatsApp: nei primi sei mesi dell’anno sono stati 12,5 miliardi, il 26,8% in meno rispetto alla prima metà del 2015 e oltre il 74% in meno riguardo al massimo raggiunto nei primi due trimestri del 2012, quando ne furono inviati 48,3 miliardi.

La rete è un dumb-pipe e tutto diventa app.

Sono due semplici fatti noti da anni anche se tanti, molti, si rifiutano di accettarlo. E il tentativo di acquisizione di Time Warner da parte di AT&T è l’ennesimo tentativo di rievocare il nostalgico “mondo antico”.

Chissà quanto dovremo aspettare prima che si accetti l’ovvio e l’inevitabile.

One Comment

  1. Il dato sugli accessi >10Mbps potrebbe essere gonfiato dal fatto che TIM ha attivato (gratis per 1 anni) una ADSL a 20Mbps a coloro che avevano 7Mbps. Ciò non invalida le conclusioni, ovviamente.
    Non emerge poi quale sia l’incidenza di coloro che, in assenza di fibra, passano a soluzioni wireless (4G o radio).

    28/10/2016
    Reply

Rispondi